Azione 6.7

Interventi per la valorizzazione e la fruizione del patrimonio culturale (Azioni AdP 6.7.1 e 6.7.2)

 

Attività da realizzare

  • Interventi per la tutela, la valorizzazione e la messa in rete del patrimonio culturale, materiale e immateriale, nelle aree di attrazione di rilevanza strategica tale da consolidare e promuovere processi di sviluppo (Azione da AdP 6.7.1)

Esempi di attività (corrispondente all'Azione AdP 6.7.1) da realizzare:

  • Recupero e funzionalizzazione delle infrastrutture materiali del patrimonio culturale, secondo standard di elevata qualità nonché promuovendo il ricorso a tecnologie innovative. Il recupero consisterà, a completamento dell'azione complessiva già intrapresa in Puglia nei periodi di programmazione precedenti, in interventi di restauro, sicurezza, allestimento di strutture di servizio ed altre attività, dove necessari e strettamente finalizzati alla loro valorizzazione e fruizione. Le funzionalizzazioni dei beni culturali riguarderanno la predisposizione di allestimenti e servizi strettamente necessari alla loro funzione d'uso nell'ambito dei processi di valorizzazione e fruizione. Questa attività completa ed innova le politiche pregresse della Regione Puglia in questo campo, concentrandosi su luoghi e siti fortemente rappresentativi per potenzialità di sviluppo e valore identitaria.
  • Potenziamento strutturale dell'offerta integrata di servizi culturali ed ambientali e costituzione di reti di fruizione, ad esempio attraverso la infrastrutturazione e l'allestimento:

di laboratori per il restauro , la digitalizzazione delle informazione, la raccolta ed elaborazione di materiale fotografico, sonoro, etc.; l'adeguamento tecnologico del patrimonio culturale (musei, biblioteche); la realizzazione nell'ambito della rete di poli culturali di strutture di servizio per la fruizione, destinate sia alle collettività locali (scuole, anziani) che ai turisti; l'infrastrutturazione di singoli beni per l'offerta di servizi sia culturali che per l'accoglienza (bookshop, prodotti tipici del territorio, centri di informazione e accoglienza territoriale e così via); la realizzazione, anche all'interno degli spazi recuperati, di incubatori di impresa destinati a promuovere le industrie culturali e creative collegate alla valorizzazione delle risorse culturali; l'allestimento di spazi per attività formative interdisciplinari destinate ai soggetti pubblici e privati che operano nel campo culturale e per sostenere processi di avviamento all'imprenditorialità creativa.

Promozione di un forte orientamento alla gestione sostenibile ed integrata dei beni culturali, ad esempio attraverso lo sviluppo di programmi gestionali orientati alla sostenibilità nel medio lungo periodo; l'elaborazione di servizi integrati per l'offerta culturale materiale e immateriale della rete territoriale; la progettazione e implementazione di sistemi gestionali integrati comprendenti servizi di trasporti, attività culturali, accesso ai luoghi i del patrimonio, ecc.; interventi sul patrimonio culturale in grado di valorizzare il valore identitario delle comunità locali, che siano frutto di un processo di condivisione tra gli attori pubblici e privati.

  • Sostegno alla diffusione della conoscenza e alla fruizione del patrimonio culturale, materiale e immateriale attraverso la creazione di servizi e/o sistemi innovativi e l'utilizzo di tecnologie avanzate (Azione da AdP 6.7.2)

Gli esempi di attività relativi a questa azione (corrispondente all'Azione AdP 6.7.2) da realizzare sono riportati di seguito

  • Interventi per la crescita in quantità, qualità ed innovatività dei sistemi, degli standard di offerta e dei servizi di fruizione e conoscenza del patrimonio culturale, ad esempio attraverso: l'applicazione presso beni e luoghi della cultura, singoli o messi in rete, di tecnologie innovative e di opportunità associate alla smart specialization; l'aumento dell'offerta di servizi collegati a istituti e luoghi della cultura per la creazione di presidi, all'interno dei contesti urbani; lo sviluppo nell'ambito delle strutture recuperate di servizi e prodotti destinati agli esperti (ricostruzioni in 3D, elaborazione di modelli per analisi dei materiali, costruzione di banche dati territoriali multimediali) e/o per il pubblico più vasto(prodotti multimediali per la diffusione della conoscenza del patrimonio locale, progettazione e realizzazione di eventi, ecc.); la realizzazione nell'ambito delle strutture recuperate di botteghe per la produzione di prodotti tecnologicamente innovativi ma che diano conto della cultura materiale e immateriale dei territori; la creazione di poli di integrazione tra formazione e lavoro dove i responsabili della formazione (università, musei, istituzioni culturali) collaborano con il mondo delle imprese e del lavoro per proporre e sperimentare nuovi prodotti e nuove attività; la creazione di banche dati multimediali che raccolgono il saper fare territoriale e implementano processi per la formazione nel campo del recupero e tutela del patrimonio materiale tradizionale (restauratori, mastri d'ascia, ecc.); la realizzazione di servizi i "family friendly" adeguati per l'accoglienza di famiglie con bimbi piccoli.
  • dello Spettacolo dal vivo e dell'Audiovisivo in Puglia, ad esempio attraverso: lo sviluppo e l'internazionalizzazione della filiera artistica e produttiva della musica pugliese, anche attraverso il miglioramento della circuitazione e distribuzione della cultura musicale pugliese nei mercati nazionale ed internazionale, nonché il supporto alle produzioni discografiche di artisti pugliesi e/o di produzioni discografiche realizzate in Puglia; lo sviluppo e valorizzazione del Sistema del Teatro e della Danza in Puglia, attraverso la promozione della produzione, della creazione artistica, della distribuzione e della formazione del pubblico, nonché il sostegno alla diffusione nazionale ed internazionale dei prodotti di questo Sistema; la valorizzazione delle eccellenze della rete dei festival e rassegne di spettacolo dal vivo che promuovono location di particolare interesse storico, architettonico, naturalistico e paesaggistico, che siano state oggetto di intervento nell'ambito delle politiche di coesione; la valorizzazione e promozione di eventi espositivi d'arte di rilevanza nazionale ed internazionale in connessione con interventi strutturali di valorizzazione di luoghi e territori promossi dalle politiche di coesione; la promozione dell'integrazione tra le imprese delle filiere culturali, turistiche, creative e dello spettacolo.
  • promozione di azioni rivolte a favorire la fruizione del patrimonio culturale audiovisivo e l'integrazione tra le imprese culturali e creative correlate; il completamento della strategia regionale di costruzione della filiera dell'audiovisivo attraverso la promozione di scambi di buone pratiche tra gli operatori del settore e la crescita delle capacità; la diffusione della conoscenza e fruizione dei poli di eccellenza della filiera dell'audiovisivo, attraverso la creazione di servizi e/o di sistemi innovativi.

- Valorizzazione e promozione anche a livello internazionale del patrimonio culturale del territorio, favorendone la diffusione e conoscenza attraverso la creazione di servizi e/o sistemi innovativi e l'utilizzo di tecnologie avanzate.

  • Supporto allo sviluppo di prodotti e servizi complementari alla valorizzazione di identificati attrattori culturali e naturali del territorio (Azione da Adp 6.7.3)

Questa attività viene finanziata nell'Asse 111, linea 3.4"Interventi di sostegno alle imprese delle filiere culturali,turistiche, creative e dello spettacolo".

Per tutte le attività si darà priorità ad interventi che si integrino e/o siano complementari con le azioni del PON "Cultura e Sviluppo" e siano definiti negli Accordi Operativi di Attuazione previsti dal PON.

Inoltre, quest' azione sarà coordinata con la Misura 19 "LEADER Sviluppo Locale" del PSR della Puglia, in particolare nelle situazioni e nei territori in cui venga attuato il Tematismo n. 2 "Valorizzazione di beni culturali e patrimonio artistico legato al territorio".

Elementi di complementarità e coerenza saranno anche assicurati con gli interventi di valorizzazione culturale della Priorità "Sviluppo Sostenibile" della Strategia EUSAIR. La Regione Puglia intende contribuire agli obiettivi specifici di EUSAIR riguardanti la diversificazione e la qualità di prodotti e servizi turistici. Le azioni riguarderanno, in coerenza con I'Action Plan di EUSAIR, il rafforzamento del patrimonio culturale della regione adriatico-ionica.

L'integrazione tra gli investimenti sul patrimonio e la promozione delle attività culturali sarà garantita attraverso la definizione di quadri di programmazione delle iniziative di valorizzazione condotte a livello regionale e territoriale. Queste programmazioni avranno il compito di garantire la coerenza ed il raccordo fra gli interventi definiti a livello nazionale (in particolare nell'ambito degli Accordi Operativi di Attuazione MIBACT /Regioni previsti dal PON "Cultura e Sviluppo"), regionale e territoriale. Esse stabiliranno i contenuti delle attività di valorizzazione integrata che convergono sulle aree di attrazione culturale, per ricercare l'allineamento di fasi e modalità attuative tra programmazione nazionale, regionale e territoriale.

 

Beneficiari

Soggetti pubblici ed enti proprietari di beni culturali, di cui all'art. 10 del Decreto Legislativo 42/2004 e degli istituti e luoghi della cultura di cui all'art. 101 Decreto Legislativo 42/2004 o che ne hanno la disponibilità, destinati stabilmente alla fruizione culturale pubblica.

 

Sezione responsabile

Valorizzazione territoriale