Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari pubblici - Avviso Pubblico n. 1/2015

Quando partecipare

dal 12/04/2021

L’Avviso disciplina la procedura di selezione ad evidenza pubblica, per la presentazione, la valutazione e l’ammissione a finanziamento di progetti di investimento a titolarità pubblica per l’infrastrutturazione sociale, socioassistenziale e socioeducativa del territorio pugliese.

L'iniziativa è volta a favorire, attraverso il supporto agli investimenti pubblici degli Enti locali e delle altre aziende pubbliche operanti sul territorio regionale, la strategia di potenziamento e qualificazione su tutto il territorio regionale della rete di strutture socioassistenziali e socioeducative e un sistema di interventi capace di colmare le lacune nell’offerta di servizi alle persone, alle famiglie, alle comunità, di accrescere l’accessibilità della rete dei servizi e le pari opportunità nell’accesso agli stessi, e con carattere innovativo e sperimentale rispetto al contesto locale di riferimento e rispetto alla normativa nazionale e regionale vigente, nel rispetto della coerenza con la programmazione sociale nazionale e regionale.

 

Come hai scoperto questa opportunità?

Raccontaci cosa ti ha portato qui.
Ci aiuterai a fornirti informazioni sempre piu complete.


Chi può partecipare

  • Comuni singoli di Ambiti territoriali sociali monocomunali;
  • Comuni associati mediante Convenzione in Ambiti territoriali sociali; 
  • Consorzi tra Comuni per l’erogazione di servizi alle persone, alle famiglie, alle comunità; 
  • Aziende di Servizi alla Persona; 
  • Altre aziende pubbliche di erogazione di servizi alla persona; 
  • Altre aziende pubbliche costituite in forma societaria, il cui capitale è detenuto in misura esclusiva o prevalente da uno o più enti pubblici, e in regime di cd. controllo analogo.
     

Cosa finanzia

Sono ammissibili a finanziamento le spese relative agli attivi materiali e immateriali a condizione che i relativi pagamenti siano successivi alla ammissione a finanziamento e all’attribuzione del CUP.

Le spese in attivi materiali riguardano:  
a) Spese generali
b) Acquisizione del suolo e sue sistemazioni, nel limite percentuale del 10% dell’importo degli investimenti in attivi materiali
c) Opere murarie o assimilate
d) Impiantistica generale
e) Oneri per la sicurezza
f) Infrastrutture specifiche atte a migliorare la funzionalità e fruibilità della struttura ad uso diretto degli utenti della struttura stessa
g) Acquisto di macchinari, impianti e attrezzature per il potenziamento della diagnostica strumentale (esclusi macchinari, impianti e attrezzature usati ovvero di pura sostituzione).
h) Mobili e arredi, nel limite percentuale del 20% dell’importo degli investimenti in attivi materiali.
i) Mezzi mobili targati ad uso collettivo, strettamente connesso alla organizzazione del servizio, ovvero alla funzionalità ed accessibilità della struttura oggetto di agevolazione
j) Imprevisti
Le spese in attivi immateriali sono ammissibili a cofinanziamento nei limiti del 5% delle spese in attivi materiali, e riguardano:
k) Spese per il conseguimento delle certificazioni di qualità delle strutture oggetto dell’intervento.
l) Servizi di consulenza specialistica
 

Contributo massimo per progetto
Da definire
Risorse totali disponibili
In fase di quantificazione

Come partecipare

La domanda di partecipazione deve essere presentata dal Presidente del Coordinamento Istituzionale dell’Ambito territoriale cui afferisce l’Ente proponente dell'intervento, esclusivamente online, pena esclusione, sulla piattaforma Puglia Sociale.

L’autenticazione al sistema deve avvenire esclusivamente attraverso SPID (Sistema Pubblico d'Identità Digitale) utilizzando le credenziali SPID (di livello uguale o superiore al 2) per l'accesso. Per maggiori dettagli sul funzionamento e sul come richiedere le credenziali SPID consulta il portale dedicato.

La domanda di contributo deve essere redatta, a pena di esclusione, utilizzando la modulistica predisposta dalla Regione Puglia – Assessorato al Welfare, disponibile sul portale Puglia Sociale.

Alla domanda di concessione del contributo pubblico (Allegato 1), firmata dal Presidente del Coordinamento Istituzionale dell’Ambito di riferimento dell'intervento candidato, dovrà essere allegata, a pena di esclusione, la seguente documentazione firmata digitalmente (ove richiesto) dal Legale Rappresentante dell’Ente proponente:

  • Allegato 2, scheda illustrativa del progetto di intervento
  • (per le altre Aziende pubbliche di cui all'Avviso) atto costitutivo registrato;
  • titolo di proprietà/disponibilità dell’immobile oggetto di intervento;
  • dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà resa ai sensi del Decreto del residente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 (secondo il format di cui in Allegato 3);
  • Estratto del progetto esecutivo;
  • Allegato 4 – Quadro economico del Progetto con i costi ammissibili e i costi non ammissibili;
  • Allegato 5 – Quadro finanziario del Progetto.
     
Condividi linkedin whatsapp
Condividi linkedin whatsapp

Per maggiori informazioni

Consulta il Burp Consulta il BURP

Visita il sito Visita il sito

Sezione Formazione Professionale Sezione Inclusione Sociale Attiva e Innovazione delle Reti Sociali

Responsabile di procedimento

Siconolfi Maria Rosaria

Sezione Formazione Professionale 0805404081

Sezione Formazione Professionale mr.siconolfi@regione.puglia.it

Responsabile di azione

Antonio Mario Lerario

Sezione Formazione Professionale am.lerario@regione.puglia.it

Responsabile di subAzione
Gabriella La Sala
0805404027
g.lasala@regione.puglia.it

 

Dirigente Servizio Economia Sociale, Terzo Settore e investimenti per l’innovazione sociale
Silvia Visciano
s.visciano@regione.puglia.it