Innolabs

Quando partecipare

dal 13/03/2017 al 13/04/2017
Opportunità scaduta

Innolabs è una tappa del percorso di consolidamento della Strategia regionale per la ricerca e l’innovazione basata sulla Smart Specialization per il ciclo di programmazione 2014/2020.

Il progetto adotta l’approccio Living Lab, una metodologia che mette in relazione i potenziali utenti con i progettisti, per la sperimentazione di nuovi prodotti o servizi utili alla risoluzione di specifiche problematiche di rilevanza sociale.

L’Avviso pubblico finanzia i progetti che coinvolgono i tre principali sistemi territoriali di riferimento della SmartPuglia 2020, ovvero il sistema regionale della pubblica amministrazione, il sistema regionale della conoscenza, il sistema regionale dello sviluppo

I settori di intervento sono Ambiente, Sicurezza e Tutela Territoriale, Cultura e Turismo, Energia rinnovabile e competitiva, Governo elettronico per la Pubblica Amministrazione, Salute, Benessere e Dinamiche socio-culturali, Istruzione ed Educazione, Economia Creativa e Digitale, Trasporti e Mobilità sostenibile.

 

Chi può partecipare

  • Piccole e medie imprese
  • Associazione Temporanee di scopo (ATS)
  • Associazione temporanea di impresa (ATI)
  • Contratti di rete 
  • Consorzi o Società consortile
     

Cosa finanzia

  • Spese per il personale
  • Spese per la strumentazione, attrezzature ed infrastrutture tecnologiche, di nuovo acquisto, utilizzate per la realizzazione delle attività previste dal progetto
  • Spese della ricerca per l’acquisto di licenze e sviluppo di software
  • Altri costi d’esercizio

 

  • Spese generali
Contributo massimo per progetto
Fino a 800.000 €
Risorse totali disponibili
10.000.000 €

Come partecipare

La domanda di partecipazione può essere presentata solo online, cliccando su Compila la tua domanda nella sezione dedicata all'Avviso Pubblico sul sito SistemaPuglia.

Opportunità scaduta

Ai fini del riconoscimento della premialità A.5.1 “manifestazione di interesse a far parte di reti nell’ambito dell’attuazione di processi di Open Innovation 2.0" è sufficiente produrre una lettera di intenti da parte di tutti i soggetti coinvolti sul progetto (beneficiari, laboratori di ricerca e utenti finali)? Oppure occorre formalizzare un impegno preciso come l'analogo impegno a costituirsi in ATS previsto per i Beneficiari?

E' necessario produrre lettere di intenti da parte di tutti i soggetti coinvolti nel progetto (imprese, OdR, laboratori di ricerca e rappresentanze dell’utenza finale) con cui i soggetti manifestano l'interesse a far parte di reti nell’ambito dell’attuazione di processi di Open Innovation 2.0. 

In merito al punto A.5.1. dell'Allegato 5 (Criteri di Valutazione) le lettere di intenti relative all'Open Innovation 2.0 devono essere predisposte anche dagli ODR pubblici beneficiari (Università, Politecnico)?

Sì.

In caso di UTENTE FINALE A COSTO, è sufficiente come preventivo una Delibera dell'Organo competente con cui l'utente, che ha manifestato il proprio fabbisogno, aderisce al progetto e indica i costi che sosterrà per eseguire determinate attività e che costituiranno, di fatto, i "Servizi da Utenti finali in catalogo"? Se sì, tale atto dell'organo competente, deve riportare importi riferibili al solo Personale, oppure anche ad altre tipologie di spesa che l'Utente sostiene (es. organizzazione di eventi per la disseminazione, utilizzo dell'infrastruttura interna,..)?

1 - SI 
2 - Deve riportare i costi che, in qualità di Utente Finale, ritiene congruenti con le attività, previste nel progetto, a cui è chiamato a rispondere. Quanto descritto sarà oggetto di valutazione del Nucleo

Se tra i beneficiari è previsto un Organismo di Ricerca iscritto nel Catalogo Partner Living Lab con un proprio Laboratorio di Ricerca, in fase di compilazione online della domanda come si può individuare tale specifico laboratorio? Il laboratorio deve essere "caricato" nella scheda partner?

1 - Quando si compila la scheda Dati Generali dell’ODR, nel caso in cui l’utente abbia indicato già l’iscrizione al catalogo partner, viene richiesta in maniera obbligatoria la selezione del codice dal catalogo assegnato. 
2 - NO

Con riferimento al criterio di valutazione B.1.2 (2 punti nel caso in cui una o più delle Reti di Laboratori presenti in Puglia sia coinvolta nel progetto come Organismo di ricerca), si chiede di sapere in quali casi il punteggio sia assegnabile. E' sufficiente la partecipazione tra i beneficiari componenti del Raggruppamento proponente di un Organismo di Ricerca che a sua volta sia parte di almeno una Rete di Laboratori?

B.1.2 Reti di Laboratori regionali di ricerca coinvolti nel progetto: 
2 punti nel caso in cui una o più delle Reti di Laboratori presenti in Puglia sia coinvolta nel progetto come Organismo di ricerca candidato al raggruppamento, quindi come candidato beneficiario. 

L'Organismo di Ricerca, iscritto al Catalogo Partner Living Lab come Laboratorio di Ricerca, che partecipa al Raggruppamento come beneficiario deve essere inserito anche nella sezione "Partner" oppure solo nella sezione "Rete di Beneficiari"?

Solo nella sezione "Rete di Beneficiari".

Esiste un limite percentuale per le spese complessive di cui alla lettera c punto 1 articolo 9 del bando (spese della ricerca)?

Non esiste un limite % per l'intera voce di spesa c, ma vale il rispetto della % di ogni singola sottovoce di costo.

Non è chiaro dal bando se il vincolo del 7% delle spese del personale sia riferibile unicamente al personale per la gestione del progetto oppure è da considerarsi nella totalità del budget di progetto?

Si fa riferimento alle spese relative alla figura del project management. 
Come riportato al punto 3 dello stesso art. 9 
“Le spese ammissibili di cui al punto i) della lettera a) del precedente comma 1. (personale dipendente addetto al coordinamento e gestione amministrativa del progetto) non potranno superare il 7% del totale dei costi ammissibili valutati per singolo partner.” 

La domanda di partecipazione deve essere corredata di marca da Bollo da 16€?

Nell'Allegato 7 Istanza di Candidatura l’impresa dichiara: 
…di aver assolto l’adempimento relativo all'imposta di bollo (di importo pari a €. 16,00 ai sensi di legge, salvo successive modificazioni) assicurato tramite annullamento e conservazione in originale della marca da bollo presso la propria sede, e che la marca da bollo in questione non è stata utilizzata ne sarà utilizzata per qualsiasi altro adempimento”. 

In merito al bando in oggetto, si chiede se la sezione 2 - scheda progetto, può essere firmata solo dalla capofila del raggruppamento.

NO. Il progetto (Allegato 3 - Sezione 2) deve essere firmato dai legali rappresentanti di ciascun candidato al beneficio. 

Errata Corrige: 
L’Avviso NON prevede obblighi di firma sulla scheda progetto: il capofila candidato, con la firma digitale apposta alla scheda ISTANZA DI CANDIDATURA, attesta e certifica la veridicità e condivisione tra i partner di quanto dichiarato e allegato. 
Sarebbe ovviamente “cosa saggia” che la scheda progetto venga firmata da tutti i partner per propria condivisione e responsabilità, e a chi ha utilizzato tale legittima modalità si suggerisce che è sufficiente la firma olografa. 

Nel caso di raggruppamento associato tra imprese di un consorzio già costituito e due Enti Ricerca a Catalogo( Università ) è richiesta comunque la costituzione dell'ATS tra consorzio ed Università?

L'ATS dovrà essere costituito tra le imprese del consorzio che partecipano all'iniziativa e i due OdR in qualità di candidati al beneficio.

Relativamente alla scadenza per l'inserimento degli utenti finali e per le Manifestazioni di interesse la stessa cade di sabato. Si intende estesa al primo giorno lavorativo?

Per l'inserimento degli utenti finali e per le Manifestazioni di Interesse, in virtù della scadenza ricadente di sabato, la stessa è stata posticipata alle ore 14:00 del giorno 8 maggio.

Gli utenti finali inseriti come soggetti non a costo sono da inserire a portale nella sezione PARTNER?

Sì.

All'art. 5.3 è scritto "I valori per il calcolo dei requisiti di idoneità patrimoniale/finanziaria sono relativi all’ultimo bilancio approvato o alla situazione contabile del quadro relativo ai redditi di impresa dell’ultimo Modello Unico regolarmente inviato all’Agenzia delle Entrate." ; al punto 11.6.g è previsto di allegare "Copia dell’ultimo bilancio approvato per tutte le imprese candidate al beneficio." ma non è precisato se, come in altri contesti, è richiesta anche la ricevuta dell'avvenuto deposito. poichè nel nostro caso alla data di scadenza del bando il bilancio al 31.12.2016 sarà stato approvato ma non depositato, ai fini della verifica di congruità patrimoniale bisogna considerare i dati al 31.12.2016 o quelli al 31.12.2015?

Se approvato si possono considerare i valori al 31.12.2016, allegando il bilancio completo della Nota integrativa e delle relazioni, inoltre è opportuno allegare anche il verbale di Assemblea.

Se un'azienda start up innovativa non è ancora in possesso del modello unico cosa deve presentare?

Ai sensi dell'art. 5 punto 3 "Dal rispetto dei requisiti di idoneità finanziaria sono esentate le start up innovative, purché rispettino gli altri vincoli previsti dall'avviso e risultino attive ed in possesso di un bilancio approvato alla data di presentazione della candidatura."

Per quanto riguarda l'utente finale, dal momento che non sosterrà costi e non sarà beneficiario del contributo, deve essere indicato nell'ATS?

Gli utenti finali non sono soggetti candidati al beneficio e quindi non sono soggetti dell'ATS.

L'Avviso al comma 7 dell'art. 2 recita "I progetti pilota di sperimentazione dovranno pertanto riportare obbligatoriamente UNO degli otto domini tematici di riferimento, l’area o le aree di classificazione all’interno del dominio di riferimento prescelto, e almeno uno o più codici RFB_XXX identificativi del o dei fabbisogni specifici da soddisfare". Si chiede se sia possibile in una stessa candidatura associare più di una richiesta di fabbisogno appartenente ciascuna a domini di riferimento differenti, ovvero se sia possibile indicare codici RFB appartenenti a domini di riferimento diversi.

Su domini differenti non è possibile.

Uno stesso utente pubblico può presentare più manifestazioni di interesse?

Ovviamente si.

Per quanto riguarda il demolab deve avere una sede specifica?

Ovviamente in Puglia.

In che modo devono essere inserite le spese per addestramento personale?

Le spese per l'addestramento del personale devono essere così catalogate: 
Tipo voce di spesa = c.3) Consulenze specialistiche 
Addestramento personale = Si. 

Si precisa che solo con quel tipo di voce di spesa è possibile compilare il campo. 

In merito al bando in oggetto, con la presente vorrei avere la seguente informazione. Sono una libera professionista, vorrei partecipare al bando come beneficiario di un raggruppamento ed ho optato per la contabilità ordinaria come richiesto al punto f dell’art.4 del bando, nell'anno 2017. Poiché la dichiarazione annuale IVA, come da normativa, si presenta entro febbraio 2017, non posso esibire entro la data di presentazione della domanda il quadro VO dal quale si evince l’adozione del regime di contabilità ordinaria; pertanto in sostituzione posso esibire un’Asseverazione del commercialista, il quale attesta che nell'anno 2017 sono in contabilità ordinaria?

L’impresa che opta nell'anno 2017, deve inviare un autocertificazione del legale rappresentante, in cui dichiara di aver scelto il regime di contabilità ordinaria, con allegata anche una dichiarazione asseverata del Commercialista che lo attesti. 
Mentre, per chi nell'anno 2016, aveva già la contabilità ordinaria e non lo ha indicato nella propria dichiarazione IVA nel quadro VO, ha la possibilità di inviare la Dichiarazione correttiva nei termini (entro il trimestre di scadenza della dichiarazione IVA) o dichiarazione Integrativa della dichiarazione IVA da cui si evinca l'opzione per il regime di contabilità ordinaria nel triennio successivo. 

AVENDO NECESSITA' DI INSERIRE DUE CANDIDATURE UNA IN FORMA SINGOLA E UNA IN RAGGRUPPAMENTO, ABBIAMO CREATO 2 DIVERSE UTENZE. AL MOMENTO DELL'INSERIMENTO DELLA SECONDA CANDIDATURA IL SISTEMA NON CI PERMETTE DI PROSEGUIRE CON IL MESSAGGIO: "DENOMINAZIONE GIA' PRESENTE" CON RIFERIMENTO AL PROPONENTE. COME POSSIAMO PROSEGUIRE?

Quindi è sufficiente scegliere un diverso nome per il raggruppamento. 

E' possibile conoscere l'esatto meccanismo di calcolo del "coefficiente di giudizio ponderale" che sarà applicato a ciascun punteggio della Sezione A dell'allegato 5 - Criteri di Valutazione? Potete fare qualche esempio numerico?

Es.: per il criterio A1.1- c) Coinvolgimento dell’utenza finale nelle attività di validazione e testing dei prodotti/servizi, sono previsti 2 punti, quindi il nucleo di valutazione disporrà di una scala di valori che va da : 
Completamente inadeguato o non valutabile 0x2=0 
Molto inadeguato 1/5x2= 0,4 
Insufficiente 2/5x2= 0,8 
Sufficiente 3/5x2= 1,2 
Buono 4/5x2= 1,6 
Ottimo 5/5x2= 2 

In merito ai requisiti di idoneità patrimoniale/ finanziaria, in particolare, in relazione al requisito A1 - Indice di congruenza tra costo del progetto e fatturato annuo (A1 = CP/F): - per CP nel bando indica solo "Costo del progetto" mentre nell'Allegato 3, Tabella VI, è specificato "Spese previste nel progetto a carico dell’impresa. La domanda è la seguente: come CP devo indicare il costo totale del progetto della singola società oppure solo la quota di costo al netto del contributo ottenuto?

CP corrisponde al costo totale del progetto, riferito alla quota di propria pertinenza, per ogni soggetto candidato.

Qual è la percentuale della quota di contribuzione per un OdR che partecipa come beneficiario in un progetto INNOLABS? La quota parte che può essere attribuita ad un OdR rientra tra il 5% ed il 25% della parte che può essere attribuita anche agli utenti che fanno parte del catalogo partner?

L'art. 3, comma 7 punto a) sancisce che in caso di candidature sottoposte da Raggruppamenti i progetti candidati devono soddisfare i due vincoli che seguono 
a) almeno il 75% dei costi del progetto deve essere sostenuto dalle Imprese; 
b)è necessario prevedere la collaborazione effettiva e il coinvolgimento di tutte le Imprese aderenti al Raggruppamento (composto da almeno 2 MPMI), ciascuna delle quali non potrà sostenere più del 50% del totale delle spese valutate ammissibili. 
E' naturale che la parte residua, quindi fino al 25%, debba essere sostenuta da OdR.

Con riferimento alla voce di costo ammissibile c) spese di ricerca, con particolare riferimento all'acquisizione di servizi di consulenza specialistica nel rispetto dei massimali di cui all'allegato 1, si chiede se siano previste limitazioni in termini di percentuale rispetto alla spesa totale ammissibile assoggettata a contribuzione.

Non sono previste limitazioni, ma il buon senso dovrebbe consentire di ottenere un bilanciamento adeguato tra le diverse voci di costo del progetto.

Ho notato che non si possono compilare più domande per quanto riguarda Innolabs, anche se da Bando è possibile partecipare sia in forma singola che in Raggruppamento.

Ogni utente del Portale può inserire una sola domanda: se si ha esigenza di inserirne due, ci si deve collegare al sistema con un diverso utente, eventualmente creandone uno nuovo attraverso il link registrazione.

Si comunica che anche nel nuovo allegato 3 alla tabella VI colonna 7, è richiesto il dato PATRIMONIO NETTO e fra parentesi è indicato TOTALE ATTIVO. Dato che i due dati in bilancio sono totalmente differenti, si prega rettificare o evidenziare chiaramente nella home page a quale dato fare riferimento.

Il valore da indicare è il valore del PATRIMONIO NETTO, ovvero il Totale della voce “A” del Passivo dello Stato Patrimoniale (ex art. 2424 C.C.) e come indicato nell’Art. 5 punto 3 lettera a) del bando.

In relazione al bando INNOLABS, si pongono i seguenti tre quesiti: 1. il preventivo che dovrà indirizzare l’end user all’ATS che si costituisce per il progetto, può contenere l’acquisto di attrezzature funzionali all'esecuzione della sperimentazione? In tal caso l’acquisto sarebbe effettuato dall’end user; 2. nell'ottica di meglio gestire le attività tra le aziende dell’ATS, è possibile per lo stesso end user formulare 2 preventivi distinti destinati alle 2 PMI coinvolte per quelle attività che vedranno una collaborazione diretta della singola azienda con l’end user? 3. a pag. 2 dell’Allegato 5 riguardo i criteri di valutazione è prevista l’assegnazione di massimo 10 punti nel caso di “Un Ente Pubblico insieme a un’Associazione socio-economica per proposte di progetto afferenti alla Linea Smart City & Community”. E’ sufficiente coinvolgere un ente pubblico (es. Comune) o è necessario il coinvolgimento anche di un’associazione socio-economica per l'assegnazione dei punteggi? Nel caso in cui si coinvolgesse tale associazione, il suo coinvolgimento come si configurerebbe? Andrebbe inserita anch'essa come End User o è sufficiente anche una forma di collaborazione al progetto “esterna” senza alcun onere a carico dell’ATS?

1 - NO 
2 - SI 
3 - è necessaria la presenza congiunta dei soggetti previsti come Utenti Finali

Ai sensi dell'art. 3 comma 10 dell'Avviso se tra i beneficiari è previsto un Organismo di Ricerca iscritto nel Catalogo Partner Living Lab come Laboratorio di Ricerca, il raggruppamento non è obbligato a selezionare dal catalogo un ulteriore Laboratorio di ricerca fornitore. Ciò significa che il 25% massimo dei costi totali del progetto per attività dei Laboratori di ricerca può essere sostenuto interamente dall'Organismo di Ricerca appartenente al Raggruppamento iscritto nel Catalogo Partner Living Lab come Laboratorio di Ricerca ? Se si, nella sezione "Altre voci di spesa" - Tipo voce di spesa: Realizzazione delle attività di pertinenza di Laboratori di Ricerca Partner (d), il Partner Laboratorio di Ricerca coincide con l'Organismo di Ricerca beneficiario del Raggruppamento?

No, ma, in termini di costi esposti, è tenuto al rispetto dei requisiti previsti per i beneficiari. Ovviamente se beneficiario, l'OdR non dovrà essere selezionato nella sezione "Altre voci di spesa" - Tipo voce di spesa: Realizzazione delle attività di pertinenza di Laboratori di Ricerca Partner.

Sul portale Sistema Puglia nella sezione "Altre voci di spesa" - Tipo voce di spesa: Realizzazione delle attività di pertinenza di Laboratori di Ricerca Partner (d) e Realizzazione delle attività di pertinenza di Utenti Finali Partner (e), il nominativo del partner deve coincidere con il nominativo del fornitore?

In questo caso il campo fornitore è inibito alla compilazione, ma è necessario selezionare il partner tra quelli proposti dal sistema.

Anche le PMI devono iscriversi al Catalogo Partner Living Lab?

No.

La procedura di abilitazione al catalogo partner richiede per i soggetti che si qualificano come Organismo di Ricerca privato di dichiarare la conformità "a quanto prescritto dal Decreto Direttoriale del MIUR 2706 del 10/11/2016". Al fine di poter rilasciare detta dichiarazione, si chiede di prendere visione del citato Decreto Direttoriale nonché del collegato documento "Sulla verifica della qualifica di Organismo di Ricerca - Aspetti metodologici", espressamente richiamati dall'Avviso Pubblico a pag. 3, non reperibili sulla rete e sulle banche dati normative.

Per il soddisfacimento dei requisiti relativi al Decreto citato è sufficiente compilare l'allegato 9 "Dichiarazione ODR" scaricabile dal link "Modulistica".

Per la valutazione dei requisiti soggettivi economici vengono richiesti indicatori riferiti all'ultimo bilancio approvato. Non avendo ancora depositato il bilancio 2016 è possibile fare riferimento ai dati di bilancio 2015?

Si faccia riferimento sempre all’ULTIMO bilancio approvato.

L'Allegato 3 sezione 2 punto 5 deve essere compilato solo dalle imprese candidate oppure anche dagli Organismi di Ricerca privati e pubblici aderenti al Raggruppamento?

Deve essere compilato per tutti i soggetti candidati compresi gli OdR.

Nel caso di un soggetto proponente con forma giuridica di società cooperativa a r.l. con 4 soci ognuno dei quali ha una quota del 25%, a chi si deve riferire la DSAN Antimafia? A tutti e 4 i soci, oppure solo all'amministratore che è anche socio?

La DSAN Antimafia per le Società di capitali o cooperative: 
1. Legale rappresentante 
2. Amministratori 
3. direttore tecnico (se previsto) 
4. membri del collegio sindacale 
5. socio di maggioranza (nelle società con un numero di soci pari o inferiore a 4) 
6. socio ( in caso di società unipersonale) 
7. membri del collegio sindacale o, nei casi contemplati dall’ art. 2477 del codice civile, al sindaco, nonché ai soggetti che svolgono i compiti di vigilanza di cui all’art. 6, comma 1, lettera b) del D.Lgs 231/2001; 
8. familiari conviventi dei soggetti di cui ai punti 1-2-3-4-5-6-7 

Nello specifico Vostro caso oltre all’Amministratore e socio, anche agli altri tre soci, nonché ad altre figure su elencate qualora vi fossero. 

In riferimento ai requisiti di ammissibilità, vorrei chiedere: è ammissibile quale capofila o partner di un raggruppamento una associazione, qualora possegga tutti gli altri criteri richiesti dal bando (codice ateco, partita IVA, requisiti economici, ecc)?

Ai fini del presente Avviso, all’art. 1 si definisce: "Microimpresa, piccola impresa, media impresa, grande impresa: le imprese beneficiarie vengono classificate secondo i criteri dell’Allegato I al Regolamento (UE) n. 651/2014." 
L'Art. 1 dell'Allegato I afferma: "Si considera impresa qualsiasi entità che esercita un’attività economica, indipendentemente dalla sua forma giuridica. In particolare sono considerate tali le entità che esercitano un’attività artigianale o altre attività a titolo individuale o familiare, le società di persone, o le associazioni che esercitano regolarmente un’attività economica.” Ecc. ecc. ……. 

Pertanto, è necessario verificare se rientra nella disposizione del Reg. n. 651/2014 e possiede i requisiti previsti dagli artt. 3 e 5 del bando. 

Nel caso di progetto presentato in forma associata, l'allegato 7 (Istanza di candidatura) dovrà essere firmato digitalmente da tutti i soggetti proponenti o solo dal capofila?

Deve essere firmato digitalmente dal Legale Rappresentante del soggetto capofila richiedente.

Nel Raggruppamento deve essere presente obbligatoriamente almeno un ODR come proponente?

NO. Art. 3 - Soggetti Beneficiari e Condizioni di Ammissibilità. 

Salve in riferimento al bando Innolabs, sono a richiedere le seguenti informazioni: 1 - non è chiara la funzione dell'attribuzione del coefficiente di giudizio ponderale riferito a ciascun punteggio della sezione A. 2 - Nello specifico, i progetti proposti devono conseguire un punteggio minimo in relazione a ciascun criterio di selezione della sezione A oppure il punteggio della stessa sezione è la semplice sommatoria di tutti i punti conseguibili nei vari criteri indicati, con la conseguente possibilità che in riferimento a quest'ultimi il progetto possa anche non conseguire alcun punto?

1 - coefficiente di giudizio ponderale indica la valutazione rispetto ad uno specifico criterio. Ad es. punteggio max criterio 10 punti se giudizio=molto inadeguato la valutazione sarà pari a 2. 
2 - la somma delle valutazioni relative ai criteri non deve essere minore di 95 punti.

Può essere soggetto beneficiario un Organismo di ricerca pubblico avente sede fuori dalla regione Puglia, che partecipa in raggruppamento con imprese pugliesi?

L'art. 3 comma 1 e l'art 4. dell'avviso precisano quanto richiesto.

Non riusciamo a caricare dal portale www.sistema.puglia.it delle domande di chiarimento (FAQ). Dalla sezione FAQ infatti riusciamo a effettuare ricerche di FAQ ma non a caricare una domanda.

Le richieste di chiarimento vanno inoltrate utilizzando il servizo Richiedi Info.

Un'azienda partner di un raggruppamento può essere anche fornitore di un altro raggruppamento.

Sì, è lecito.

Per PMI si intende anche una ditta individuale? Chi beneficia di finanziamento nidi può beneficiare di innolabs? Nel caso in cui una PMI + organismo di ricerca universitario riuscisse a ottenere finanziamento 60% di 150.000, è necessario dimostrare di avere disponibilità finanziarie per il restante 30% (10% di competenza dipartimento universitario)?

1)Ai sensi dell'articolo 3 comma del bando : 
" I soggetti beneficiari degli aiuti previsti dal presente Avviso sono: a. Singola PMI che rispetti la definizione prevista dall’allegato I del Regolamento UE n. 651/2014" che recita: 
"Si considera impresa qualsiasi entità che eserciti un'attività economica, indipendentemente dalla sua forma giuridica. In particolare sono considerate tali le entità che esercitano un'attività artigianale o altre attività a titolo individuale o familiare, le società di persone o le associazioni che esercitano regolarmente un' attività economica." 
2) Si 
3) Ai sensi dell'articolo 7 del bando comma 5,6,7: 
"Gli aiuti di cui al presente Avviso sono erogati, ai sensi dell'art. 25 del Regolamento 651/2014, gli Aiuti a progetti di ricerca e sviluppo, nella forma del contributo in conto impianti, per una intensità di aiuto descritta al punto successivo. 6. Per i progetti presentati da singole Imprese, l’intensità di aiuto, calcolata in base ai costi valutati ammissibili, non può superare le percentuali di contribuzione di seguito specificate: a. 45 (quarantacinque) % per le micro/piccole imprese; b. 35 (trentacinque) % per le medie imprese; c. 25 (venticinque) % per le grandi imprese Per i progetti presentati da Raggruppamenti in collaborazione effettiva con un organismo di ricerca che sostenga almeno il 10% dei costi ammissibili e che abbia il diritto di pubblicare i risultati della ricerca, l’intensità di aiuto non può superare le percentuali di contribuzione di seguito specificate, calcolate rispetto ai costi valutati ammissibili: a. 60 (sessanta)% per le micro/piccole imprese; b. 50 (cinquanta)% per le medie imprese; c. 40 (quaranta) % per le grandi Imprese. Per gli Organismi di ricerca l’intensità d’aiuto è pari a quella massima applicabile tra le imprese partecipanti al Raggruppamento.

Una PMI denominata X partecipa al Bando presentando un Progetto A. La medesima PMI denominata X può partecipare al Bando presentando un Progetto B in forma congiunta con un Raggruppamento di imprese? Gli OdR possono partecipare a più raggruppamenti con progetti diversi? Se si c'è un numero massimo di partecipazione?

1 - Ai sensi dell'art. 3 comma 11 "È consentita, da parte di una stessa Impresa o OdR privato, la presentazione al massimo di 2 (due) candidature, di cui una in forma singola e l’altra in Raggruppamento, purché riferite a fabbisogni e domini tematici differenti." 
2 - Ai sensi dell'art.3 comma 13 " Per gli organismi di ricerca pubblici non si applica il limite previsto ai precedenti comma 11 e comma 12."

L'Amministratore unico di un'azienda (socio), assunto con contratto Co.Co.Co, che nell'ambito del progetto avrà anche ruolo di ricercatore, fermo restando che le attività verranno regolate con un compenso separato, deliberato dall’assemblea dei soci, è rendicontabile alla voce "Personale dipendente"?

La riqualificazione fiscale dei redditi di collaborazione ha comportato, a decorrere dal 1 gennaio 2001, l’applicazione di tutti gli istituti tipici del rapporto di lavoro dipendente, quali ad es. le diverse norme di definizione della base imponibile (art. 51 del TUIR – ex art. 48), il principio di cassa allargato, ecc.. 
E’ importante però precisare che l’assimilazione ai redditi di lavoro dipendente ha operato solo ai fini fiscali. Il regime giuridico da applicare ai rapporti di co-co-co è rimasto invece quello del lavoro autonomo: ne consegue che ai suddetti rapporti non è applicabile il principio di automaticità delle prestazioni (ex art. 2116 del codice civile). 
Pertanto non è rendicontabile come personale dipendente.

In riferimento al bando INNOLABS dopo aver letto l’allegato 1 del Bando con riferimento a “Strumentazione ed Attrezzature” non mi è chiaro se possiamo rendicontare l’utilizzo di infrastrutture CLOUD su cui far ruotare l’infrastruttura web da sviluppare per le finalità del progetto (tenendo in buon conto che solitamente il Cloud è un importo di noleggio per tutta la durata del progetto e non è detto che risieda in Puglia anche se su questo possiamo ottenere la localizzazione in Puglia). In alternativa dovremmo acquistare l’hardware necessario a predisporre il l’infrastruttura presso nostra sede.

Purché direttamente e interamente connesse al progetto e supportate da idonei preventivi, andranno nella voce "Altri costi".

Gli Utenti finali che devono svolgere attività nell'ambito del progetto devono essere iscritti al Catalogo Partner Living Lab ? Se si, in quale categoria devono essere iscritti: Ente pubblico, Laboratorio di Ricerca o Soggetto del sistema socio economico regionale?

Gli utenti finali devono essere iscritti al Catalogo Partner nella categoria di loro competenza (Es.: Comune/Scuola = Ente Pubblico; Associazione culturale = Soggetto del sistema socio economico)

In riferimento ai criteri di ammissibilità degli Organismi di Ricerca privati si chiede dove sia possibile reperire il Decreto Direttoriale del MIUR 2706 del 10/11/2016 e/o del documento “ Sulla verifica della qualifica di Organismo di Ricerca- Aspetti metodologici” per la verifica dei requisiti di partecipazione al bando. Tali documenti non risultano essere disponibili sul sito MIUR

Nel link della modulistica del bando Innolabs sul portale Sistema Puglia è inserito uno schema tipo - Dichiarazione Organismo di Ricerca che riporta i requisiti di ammissibilità previsti dal Decreto riferito nella presente FAQ. Pertanto la compilazione di tale Dichiarazione assolve all'obbligo del bando.

I requisiti di idoneità patrimoniale/finanziaria devono essere posseduti dalle imprese alla data di candidatura del progetto. Se nel corso degli anni l'impresa dovesse vedere ridursi il fatturato, rischierebbe la revoca del contributo?

I requisiti di idoneità patrimoniale/finanziaria devono essere posseduti dalle imprese alla data di candidatura del progetto. Eventuali variazioni successive del fatturato non implicano rischi di revoca, fatto salvo quanto previsto al comma e. dell'articolo 5 del bando (imprese in difficoltà).