Pass Imprese 2020

Quando partecipare

dal 01/03/2021 al 15/03/2021

Attraverso l'Avviso pubblico Pass Imprese 2020, Regione Puglia intende promuovere l’utilizzo di voucher formativi diretti a micro, piccole e medie imprese, liberi professionisti e lavoratori autonomi, ovvero incentivi economici utili a finanziare percorsi di formazione mirati di aggiornamento e specializzazione

Obiettivo dell'iniziativa è accrescere le competenze della forza lavoro e agevolare la mobilità, l’inserimento e il reinserimento lavorativo.

 

Come hai scoperto questa opportunità?

Raccontaci cosa ti ha portato qui.
Ci aiuterai a fornirti informazioni sempre piu complete.


Chi può partecipare

Possono presentare istanza di finanziamento le micro, piccole e medie imprese, inclusi liberi professionisti e lavoratori autonomi in possesso di Partita IVA attiva, con unità locali/domicilio fiscale in Puglia, appartenenti a tutti i settori di attività ad eccezione delle piccole e medie imprese appartenenti alla sezione A e P (solo imprese con attività primaria classificata con codice Ateco 85.10.00 Istruzione prescolastica) della classificazione delle attività economiche Ateco 2007 e all’allegato 1 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE).

L'impresa proponente, a pena di esclusione, al momento della proposizione dell’istanza di candidatura e sino al momento di fruizione del beneficio, dovrà essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • avere sede operativa ubicata nel territorio pugliese;
  • essere iscritto alla Camera di Commercio, industria, artigianato e agricoltura;
  • per le imprese non tenute all’iscrizione presso la Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura, essere in possesso di Partita IVA attiva (in fase di candidatura occorrerà presentare copia del certificato di attribuzione del numero di Partita IVA risultante dalla più recente "Dichiarazione di inizio attività, variazione dati o cessazione di attività ai fini IVA" inviata all’Agenzia delle Entrate (modello AA9);
  • applicare al personale dipendente il Contratto collettivo nazionale di lavoro di categoria sottoscritto dalle associazioni datoriali e sindacali maggiormente rappresentative a livello nazionale;
  • essere in regola in materia di contribuzione previdenziale, assicurativa e assistenziale;
  • operare nel rispetto delle vigenti norme edilizie ed urbanistiche, del lavoro, della prevenzione degli infortuni e salvaguardia dell’ambiente;
  • aver restituito agevolazioni erogate per le quali è stata disposta dall’Organismo competente la restituzione;
  • essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non trovarsi in stato di fallimento, liquidazione, amministrazione controllata, concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente, né nel corso di un procedimento per la dichiarazione di una di tali situazioni, né versare in stato di sospensione dell'attività commerciale.

 

Sono destinatari dei voucher:

1) gli imprenditori e le imprenditrici, che all’atto della candidatura risultino iscritti presso la Camera di Commercio, industria, artigianato e agricoltura in qualità di

  • imprenditori individuali e associati in partecipazione di imprese familiari obbligati al versamento dei contributi previdenziali alla Gestione Inps;
  • soci delle società semplici;
  • soci di società in nome collettivo;
  • soci accomandatari di una società in accomandita semplice;
  • soci di società di capitali e cooperative che rivestano il ruolo di amministratori;
  • soci di società di capitali che siano tenuti al versamento dei contributi previdenziali alla Gestione Commercianti o Artigiani o altra forma obbligatoria contributivo (per esempio STP);

2) i soggetti che, pur non essendo tenuti all’iscrizione presso la Camera di Commercio, industria, artigianato e agricoltura, all’atto della candidatura risultino lavoratori autonomi iscritti alla gestione separata dell’Inps e i liberi professionisti iscritti all’ordine/albo professionale e relativa cassa previdenziale, in possesso di Partita IVA attiva e con domicilio fiscale in un Comune della Regione Puglia.

3) gli amministratori unici non soci, gli amministratori delegati non soci risultanti da Registro delle Imprese) delle suddette imprese;

4) i lavoratori e le lavoratrici con rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato e qualifica di dirigente/quadro, iscritti al libro unico del lavoro dell’impresa, e occupati in una unità locale che si trovi sul territorio regionale.

 

Cosa finanzia

Percorsi formativi specifici e/o di aggiornamento tecnico di durata compresa tra un minimo di 16 ore e un massimo di 200 ore, erogati, anche in modalità formazione a distanza (FAD) sincrona o asincrona, da Università pubbliche e Università private riconosciute dall’ordinamento nazionale, organismi formativi accreditati, ordini/collegi professionali e altri soggetti erogatori che svolgano da almeno due anni attività documentata di formazione

 

Contributo massimo per progetto
3.500 € per voucher
Risorse totali disponibili
7.285.000 €

Come partecipare

Le domande possono essere inoltrate solo online attraverso la procedura telematica disponibile nella sezione Pass Imprese 2020 del portale Sistema Puglia, cliccando su Compila la tua domanda, nei seguenti periodi

  • dalle 14:00 del 16/11/2020 alle 14:00 30/11/2020 esclusivamente per i percorsi formativi da concludersi entro il 30/04/2021;
  • dalle 14:00 dell'1/03/2021 alle 14:00 15/03/2021 esclusivamente per i percorsi formativi da concludersi entro il 30/08/2021;
  • dalle 14:00 dell'1/06/2021 al 15/06/2021 esclusivamente per i percorsi formativi da concludersi entro il 31/10/2021.

Mediante procedura telematica dovranno essere inserite, pena l’esclusione dell’istanza presentata, le dichiarazioni firmate digitalmente dal soggetto proponente e precisamente:

  1. dichiarazione sostitutiva conforme all’Allegato 2 (dichiarazione generata dal sistema informativo);
  2. dichiarazioni sostitutive conformi all’Allegato 2.1 (resa dagli amministratori dell’impresa beneficiaria muniti di potere di rappresentanza ed eventuali procuratori);
  3. dichiarazione sostitutiva conforme all’Allegato 2.2 relativa all’applicazione del regime “de minimis”; Sez. A in merito al concetto di controllo e di Impresa Unica, Sez. B inerente il rispetto del massimale (resa dall’impresa beneficiaria dell’aiuto) secondo le istruzioni per la compilazione allegate all'Avviso pubblico; 
  4. dichiarazione sostitutiva conforme all’Allegato 2.3 (resa dalle imprese controllanti o controllate dall’impresa beneficiaria dell’aiuto); 
  5. formulario di presentazione del piano, conforme all’Allegato 3, da compilare online sulla piattaforma telematica.

Inoltre, attraverso procedura telematica, dovranno essere inseriti, pena l’esclusione dell’istanza presentata, i seguenti allegati:

  1. copia del certificato di attribuzione della Partita Iva, per i soggetti di cui al punto 2 del paragrafo D);
  2. copia del certificato di regolarità contributiva per i liberi professionisti e lavoratori autonomi; 
  3. ultima comunicazione Uniemens individuale e relativa ricevuta di trasmissione ai fini della verifica dei requisiti dei lavoratori dipendenti delle imprese iscritte alla Camera di Commercio, industria, artigianato e agricoltura;
  4. dichiarazioni sostitutive a cura di tutti i soggetti erogatori, se pertinenti, indicate nel paragrafo E dell’Avviso pubblico relative a:
  • modalità di erogazione e monitoraggio degli interventi erogati anche parzialmente in modalità formazione a distanza (FAD) e relativi output come indicati nello stesso paragrafo E;
  • accreditamento/certificazioni ai fini dell’erogazione dei percorsi linguistici;
  • requisiti dei soggetti erogati indicati nel paragrafo D

Dopo aver completato in modo completo e corretto la procedura telematica, verrà generato il modulo di domanda (file.pdf_riepilogativo, conforme all’Allegato 1) che dovrà essere firmato digitalmente dal legale rappresentante del soggetto proponente e trasmesso attraverso la stessa procedura telematica. A conferma dell’avvenuta trasmissione il sistema genererà una ricevuta di avvenuta trasmissione.

Si precisa che la compilare tutte le parti della procedura telematica senza effettuare la successiva trasmissione dell’istanza firmata digitalmente costituisce motivo di esclusione. I controlli eseguiti dalla procedura telematica non coprono tutti i vincoli previsti dall’Avviso pubblico, pertanto, nella fase di compilazione della domanda, è necessario comunque fare riferimento a quanto riportato nell’Avviso.

Ogni impresa potrà richiedere fino a un massimo di due voucher, non cumulabili.
Sarà riconosciuto all’impresa un'intensità di aiuto pari all'80% del costo effettivamente sostenuto per l’iscrizione e la frequenza del corso, sino ad un massimo di contributo pubblico erogabile pari ad euro 3.500,00 per ciascun voucher. 
 

Hai domande sulla procedura telematica o sull'Avviso pubblico?

Nella sezione dedicata a Pass Imprese 2020 sul portale Sistema Puglia sono disponibili i servizi:

  • Richiedi Info, per le richieste di chiarimento circa il procedimento amministrativo a cui risponderanno via e-mail i referenti dell'Avviso pubblico di Regione Puglia;
  • Supporto Tecnico, per le richieste di assistenza sull’utilizzo della procedura telematica, a cui risponderà via e-mail il Centro Servizi Sistema Puglia;
  • FAQ, per consultare la raccolta di risposte alle domande frequenti inviate dagli utenti.
Condividi linkedin whatsapp
Condividi linkedin whatsapp

Per maggiori informazioni

Consulta il Burp Consulta il BURP

Visita il sito Visita il sito

Sezione Formazione Professionale Sezione Formazione professionale

Responsabile di procedimento

Anna Lobosco (sino alla pubblicazione della graduatoria)

Responsabile di procedimento

Francesco Leuci (dopo la pubblicazione della graduatoria)

Sezione Formazione Professionale 0805405409

Sezione Formazione Professionale f.leuci@regione.puglia.it

Responsabile di azione

Anna Lobosco

Sezione Formazione Professionale 0805404400

Sezione Formazione Professionale a.lobosco@regione.puglia.it

Nella sezione dedicata a Pass Imprese 2020 sul portale Sistema Puglia sono disponibili i servizi:

  • Richiedi Info, per le richieste di chiarimento circa il procedimento amministrativo a cui risponderanno via e-mail i referenti dell'Avviso pubblico di Regione Puglia;
  • Supporto Tecnico, per le richieste di assistenza sull’utilizzo della procedura telematica, a cui risponderà via e-mail il Centro Servizi Sistema Puglia.