Selezione di proposte progettuali volte all'implementazione dei piani comunali funzionali alla previsione, prevenzione e contrasto del rischio idraulico ed idrogeologico

Quando partecipare

dal 03/07/2020 al 24/08/2020
Opportunità scaduta

Attraverso l'Avviso pubblico per la selezione di proposte progettuali volte all'implementazione dei piani comunali funzionali alla previsione, prevenzione e contrasto del rischio idraulico ed idrogeologico, Regione Puglia sostiene i Comuni nella realizzazione di interventi di riduzione del rischio idrogeologico e di erosione costiera.

L'obiettivo degli interventi è proteggere la popolazione dalle alluvioni.

Le proposte progettuali dovranno presentare un'implementazione dei Piani di Protezione Civile su previsione, prevenzione e contrasto del rischio idraulico ed idrogeologico declinabile attraverso la definizione di modelli di intervento e di relativa dotazione strumentale a supporto, la quale deve essere strettamente funzionale al potenziamento dei sistemi di comunicazione in radiofonia e trasmissione dati tra le varie componenti del sistema regionale di protezione civile, anche attraverso il potenziamento dei presidi territoriali idraulici.

Il piano di emergenza proposto dal Comune deve essere conforme alle “Linee guida per la predisposizione dei Piani di Protezione Civile Comunali” adottate con Delibera di Giunta Regionale n. 1414 del 30 luglio 2019.

 

Chi può partecipare

Comuni pugliesi, singolarmente o associati tra loro 
 

Cosa finanzia

Spese funzionali alla realizzazione dell’operazione e strettamente connesse alle finalità della proposta progettuale

 

Contributo massimo per progetto
50.000,00 €
Risorse totali disponibili
4.037.000,00 €

Come partecipare

Ogni Comune, sia che partecipi in forma singola che in forma associata, può candidare un’unica proposta progettuale, inviandola via posta elettronica certificata (PEC) all'indirizzo fondiue.protezionecivile@pec.rupar.puglia.it, dal 3/07/2020 al 24/08/2020.

La proposta deve includere i seguenti documenti:

  • istanza di finanziamento compilato secondo il modello dell’Allegato A1;
  • scheda tecnica compilata secondo il modello dell’Allegato A2;
  • documentazione comprovante l’attività di condivisione/partecipazione;

ed eventualmente aggiungere:

  • nell’ipotesi di rischio insistente in area/e non perimetrata/e, dichiarazione (ex DPR 445/2000);
  • in caso di partecipazione in forma associata, Convenzione (ex art. 30 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267 - “Testo Unico delle leggi sull’ordinamento delle autonomie locali”);
  • documentazione attestante la formalizzazione di sinergie con le altre componenti del sistema di protezione civile (comunale/regionale/statale);
  • in caso di compartecipazione con risorse aggiuntive, documentazione amministrativo-contabile relativa allo stanziamento a copertura di tali risorse.
     
Opportunità scaduta

Ci sono difficoltà nel reperire, sul sito web, il Protocollo d’Intesa sottoscritto fra ANCI Puglia e PES Puglia in data 22 ottobre 2015, il cui contenuto, a fini conoscitivi, è basilare. Potreste fornircelo?

Per quanto attiene il protocollo ANCI Puglia e PES Puglia sottoscritto in data 22 ottobre 2015, lo stesso può essere direttamente richiesto ad ANCI Puglia.

Considerato che il dato riguardante la popolazione esposta a rischio diretto pubblicato dall'ISPRA è stato calcolato nel metodo seguente: "La Stima Della Popolazione a rischio alluvioni è stata effettuata sulla base della Mosaicatura ISPRA (v.4.0-Dicembre 2017) delle aree a pericolosità idraulica media P2, con tempo di ritorno fra 100 e 200 anni (D.Lg s.49/2010), perimetrate dalle Autorità di Bacino Distrettuali,e della popolazione residente del 15° Censimento ISTAT 2011. Le Elaborazione è stata effettuata intersecando in ambiente GIS,le aree a pericolosità idraulica con le 402.678 sezioni del Censimento ISTAT 2011. Il numero di persone esposte è stato stimato con il metodo di proporzionalità, moltiplicando la percentuale di area a pericolosità idraulica all'interno di ciascuna sezione di censimento per la popolazione residente nella suddetta sezione. Il dato è stato quindi aggregato su base comunale". Per quanto concerne l'attribuzione dei punteggi per la Valutazione Tecnica delle proposte progettuali, in particolare il punto B.1 art. 5.2.3, è considerata ammissibile, una stima della popolazione esposta a rischio effettuata mediante la metodologia di cui sopra in cui si utilizzino le perimetrazioni approvate in variante con DPCM del 19 giugno 2019 in sostituzione di quelle aggiornate al 2017?

In riferimento al quesito circa il calcolo della popolazione residente esposta al rischio, può essere presa in considerazione la metodologia usata dall’ISPRA, fermo restando la verifica della correttezza del calcolo da parte della Commissione di Valutazione che sarà nominata.

Possono presentare istanza di candidatura in forma associata Comuni non ricadenti in ambiti territoriali COM e stessi confini provinciali?

No, può essere presentata una proposta progettuale in forma associata solamente da parte dei Comuni appartenenti alla stessa provincia e ricadenti nel medesimo ambito territoriale COM.

Nelle more della definitiva stesura della graduatoria, sarà possibile integrare la documentazione riferita alla perimetrazione delle aree a rischio idraulico che dovesse eventualmente pervenire da parte dell’AdB a conclusione di un tavolo tecnico aperto dall’amministrazione comunale?

No, non è possibile integrare la documentazione qualora vi fossero perimetrazioni di aree a pericolosità idraulica definite successivamente alla presentazione della candidatura da parte del Comune.

Al paragrafo 5.2.3 "Valutazione tecnica" dell'Avviso, relativamente al punteggio "A. Classe di pericolosità dell’area oggetto dell’intervento", le aree non perimetrate dai PAI, ma che sono state perimetrate dagli studi relativi al "Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni - II ciclo 2016-2021" (PGRA) dell'Autorità di Bacino Distrettuale dell'Appennino Meridionale (https://www.distrettoappenninomeridionale.it/index.php/ii-ciclo-2016-2021-menu/riesame-mappe-pericolosita-e-rischio-di-alluvione-adozione-misure-di-salvaguardia-menu) possono essere classificate come PAL (Ap, Mp, Bp)?

Possono essere prese in considerazione le aree perimetrate dal PGRA, essendo i dati relativi agli studi effettuati resi pubblici e consultabili al sito web del Distretto dell'Appennino Meridionale.

A corredo del quadro economico, le voci di costo relative all'acquisto di beni strumentali come computer, monitor, ricetrasmettitori, ecc. possono essere supportate da schede tecnico-economiche reperibili su siti web come Amazon o altri fornitori di settore con rivendita online?

Si, possono essere prese in considerazione indagini di mercato effettuate attraverso la consultazione di siti web, per l'acquisto di beni strumentali.

Condividi linkedin whatsapp
Condividi linkedin whatsapp

Per maggiori informazioni

Consulta il Burp Consulta il BURP

Visita il sito Visita il sito

Sezione Formazione Professionale Sezione Protezione Civile

Responsabile di procedimento

Vito Augusto Capurso

Sezione Formazione Professionale 0805401504

Sezione Formazione Professionale v.capurso@regione.puglia.it

Responsabile di azione

Gianluca Formisano

Sezione Formazione Professionale 0805407878

Sezione Formazione Professionale g.formisano@regione.puglia.it

Responsabile di Sub Azione
Francesco Vito Ronco
0805401518
f.ronco@regione.puglia.it 

 

Altre eventuali informazioni possono essere richieste telefonicamente al numero 0805401555.